DISNEYLAND: Un lungo sogno realizzato

Condividi su..
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

Abbiamo prenotato questo viaggio parecchio tempo fa, cercando di far coincidere il periodo di Halloween per approfittare di un periodo magico a Disneyland. Fin da subito Anna si è dimostrata professionale e attenta venendo incontro alle nostre esigenze, soprattutto dopo aver scoperto di essere incinta: Anna ha reperito tutte le informazioni in merito per garantirci un viaggio senza rischi ed ansie.


Abbiamo scelto la formula Hotel + 2parchi in mezza pensione, e su suggerimento di Anna abbiamo scaricato l’app per poter prenotare il nostro pasto in uno degli hotel affiliati Disney oppure all’interno del parco (non si è obbligati infatti a mangiare nell’hotel in cui si soggiorna!).
Abbiamo soggiornato all’hotel Cheyenne, uno dei 3 stelle più economici all’interno del parco, ma non per questo meno interessante: tutto a tema cowboy, con la presenza della mascotte Woody di Toy Story a colazione!


La nostra camera molto pulita, il bagno grande, viaggiando in tre con un ragazzino di 12 anni avevamo chiesto un letto in più, inizialmente ci siamo preoccupati perchè sembrava ci fosse un letto matrimoniale (alla francese, un po’ stretto ma comunque comodo) mentre per il nostro “piccolo” c’era un divano apparentemente non preparato per ospitare una persona per la notte, ma una volta tolta la copertura e i cuscini da divano ci siamo accorti che sotto era corredato di piumino e lenzuola, mentre i cuscini di riserva erano nei cassetti della specchiera, se dovesse capitare anche a voi don’t worry e togliete la copertura =)
Colazione in hotel super abbondante, dal dolce, con macchinette automatiche per rifornirsi a piacimento di caffè, cappuccino, latte caldo o freddo, acqua per il the e succhi di frutta, alle brioches di tutti i tipi, pane da scaldare su cui spalmare marmellate (anche quelle a dispenser), yogurt e cereali, pancake, torte fresche ecc, fino al salato con tanto di affettati, formaggi ma anche pietanze preparate al momento come fagioli, bacon, uova (strapazzate, bollite, ecc) da chiedere alla bisogna. Insomma per tutti i gusti e le esigenze. Da sottolineare anche l’abbondante sezione “vegana” con tutto preparato senza derivati animali, nel caso qualcuno seguisse questa dieta o avesse anche solo bisogno di brioches e pietanze senza lattosio.
Come suggerito dall’agenzia, appena arrivati abbiamo lasciato i nostri bagagli in deposito in attesa della nostra stanza e abbiamo chiesto in reception il braccialetto bianco che identificava il mio stato interessante, che ci ha premesso di saltare tutte le file delle giostre, facendoci accedere alle file agevolate (in due giorni abbiamo potuto praticamente fare quasi tutto, tranne ovviamente i roller coaster, su cui i miei uomini hanno dovuto fare la fila normale per forza di cose!). Nota interessante sia negli hotel che all’interno del parco e del village: un sacco di personale italiano! Se per caso vi vedono in difficoltà si fanno avanti loro e chiedono che lingua parlate, cercando qualcuno che possa parlare la vostra lingua madre. In ogni caso tutti parlano in modo fluente e comprensibile l’inglese.
Il personale si è sempre mostrato cordiale e sorridente, permettendo di vivere la magia Disney a 360° (tranne gli addetti alla casa stregata, che erano piuttosto lugubri ma assolutamente in linea con l’ambiente circostante e proprio per mantenere il livello di tensione alle stelle!).
In caso andaste in mezza pensione, SUPER CONSIGLIATO il PYM Restaurant, situato nei Disney Studio nella sezione Marvel: a buffet, personale gentilissimo e cibo strepitoso, per tutti i gusti.


Nel caso qualcuno andasse come me in gravidanza, niente paura: sul sito troverete una serie di giostre catalogate come proibite (i roller coaster appunto) su cui non potrete salire per ovvi motivi (sareste pazze!), le altre sono indicate come sconsigliate, ma solo perchè giustamente Disneyland si solleva da ogni responsabilità: sono fattibilissime, le protezioni per nulla invadenti sulla pancia, io ho fatto tutto e anche più volte! Per di più mentre i miei accompagnatori sono andati sulle montagne russe, io mi sono dedicata a vivermi l’atmosfera di Disneyland, che ha anfratti da esplorare in ogni dove!
Anna ha gestito così bene la mia situazione e in generale tutte le nostre necessità che una volta arrivati ci siamo solo goduti il fine settimana senza pensieri, GRAZIE MILLE!!

1 thought on “DISNEYLAND: Un lungo sogno realizzato”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *